Corsi di
Archeologia Subacquea

Tutela e salvaguardia del patrimonio archeologico sommerso Scopri di Più
I relitti dell'Alto Adriatico Scopriamoli assieme

archeologiasubacquea.it

il nostro portale dedicato all'archeologia subacquea Visita il sito

Corsi di Archeologia Subacquea

Il Gruppo Ricerche Subacquee – Argo collabora con l’associazione Clodia di Chioggia (Ve) all’organizzazione di corsi di Archeologia Subacquea con rilascio dei brevetti internazionali CMAS – Archaeology Diver.
Vengono organizzati inoltre corsi Sub per tutti i livelli dal base all’Istruttore

I relitti dell'Alto Adriatico

Evdokia II

Il mercantile Evdokia II, era una nave da carico che, in seguito alla collisione con un altro cargo è affondata nel marzo 1991, a sei miglia dalla costa in perfetto assetto da navigazione. Lungo 100 metri il relitto giace a…

Vrmac

E’ affondato il 26 Gennaio 1961 a causa dello spostamento del carico (composto da oltre 1300 ton. di pirite) determinato dal mare grosso. Aveva un equipaggio di 22 uomini, nella tragedia perirono il timoniere e il nostromo, 2 marinai furono dati per dispersi….

Incrociatore AMALFI

Affondato da una sommergibile austriaco il 7 Luglio 1915 I resti del relitto si trovano ad una profondità di 30 metri a 20 miglia dal porto di Chioggia. Nell’affondamento morirono un ufficiale e 66 marinai, dei superstiti 255 costituirono il…

Ultimi aggiornamentiDiario di Bordo

News da www.archeologiasubacquea.it

Due uomini, un quarantenne signore di rango avvolto in un mantello di lana e il suo giovane schiavo in tunica, le ossa già provate da anni di durissimo lavoro. È la nuova scoperta di Pompei venuta fuori nei giorni della pandemia. Le immagini, in esclusiva per l'Ansa, lo raccontano. Una scoperta «stupefacente» per il ministro Franceschini, e come sottolinea il direttore Massimo Osanna, «assolutamente eccezionale» perché «per la prima volta dopo più di 150 anni, dal primo impiego della tecnica, è stato possibile non solo realizzare calchi perfettamente riusciti delle vittime, ma anche indagare e documentare con nuove tecnologie le cose che avevano con sé nell’attimo in cui sono stati investiti e uccisi dai vapori bollenti dell’eruzione». ...

View on Facebook
UNESCO

Code of Ethics for Diving on Submerged Archaeological Sites

Partner